Cristina e la sua testardaggine da mulo

Tradotto da Monica Monicardi Modestia a parte, Cristina oltre ad essere donna è un mulo e forte, (come dicono gli argentini) molte vorrebbero essere dei muli come lei. Nel mio paese, che rimane ad oriente del Guatemala e che confina con El Salvador, arido come è soltanto lui, in quei colli è comune che uno  quando si riferisce ad una donna dica mulo o puledra, nessuno si offende, perché non lo si dice per offendere, è un complimento e una affermazione. Sono onori che solo noi gente del popolo gradiamo. Ma è chiaro che uno deve vivere con gli animali…

Continuar leyendo…

Lettera aperta a Cristina Fernández de Kirchner

Traduzione dallo spagnolo di Matilde Mirabella (Pressenza) Il giorno in cui eri ad Arsenal, mentre parlavi alle folle, io guidavo per le strade di Chicago, ero al lavoro e il mio datore di lavoro mi aveva mandato a fare una commissione. Ho messo gli auricolari al telefono cellulare e ho ascoltato via Facebook la tua rivendicazione politica: ho dovuto fermarmi nella corsia di emergenza quando hai presentato il giovane boliviano che lavora tagliando verdure. Ho pianto come una bambina, ho sentito che insieme a lui nominavi ogni lavoratore di ogni tempo. Nel suo sguardo di immigrante si rifletteva la nostalgia…

Continuar leyendo…

Paria

Tradotto da Monica Monicardi Ricordo che da bambina dopo aver venduto gelati al mercato nel fine settimana, ritornavo a casa puntualmente alle due del pomeriggio, (fra la settimana alle 12,30 perché all’una andavo a studiare) e andavo per  strada con i miei amici,  ciascuno con  dei sacchi in mano, a raccogliere l’immondizia di casa in casa  per buttarla nel burrone, ci pagavano 25 centesimi per sacco. Con il frigo portatile sulla spalla correvo dietro agli autobus supplicando alle guide che mi lasciassero salire, per vendere i mie gelati, con un salto salivo e scendevo perché non fermavano mai   l’autobus completamente.

Continuar leyendo…

Liquidare il Venezuela perché morto il cane è rimasta la rabbia

Tradotto da Monica Monicardi Siamo ad un passo dall’invasione del Venezuela da parte degli Stati Uniti e dal suo branco. La prima cosa è aprire lo spazio terrestre, marittimo e aereo saranno il Brasile, la Colombia e l’Argentina, i loro governanti sono già pronti. Qualcuno ha creduto al racconto di La Paz di Juan Manuel Santos? L’Iran con i suo autoblindati ossidati che inviano bazooka ai loro fratelli: di sangue, di latte, di cuore e di patria. La guerra dei media è enorme, una quantità di informazioni distorte che sono state create a rafforzare la manipolazione di quelli che sono…

Continuar leyendo…

Resistere, resistere, resistere

Tradotto da Monica Monicardi Sarebbe risultato tanto facile per Cristina il giorno seguente al termine del suo mandato presidenziale in Argentina, prendere le sue cianfrusaglie e andarsene all’estero; il totale di ciò che aveva realizzato che le corrispondeva come capo del governo. Lo stesso avrebbe potuto fare Dilma quando ha subito il colpo di Stato, la cosa più facile: andarsene e non tornare più indietro. Ma sono rimaste e non per rimanere con le braccia incrociate, come Lula che non si è fermato un giorno. Chiari esempi di convinzione e di responsabilità storica come politici in un tempo in cui…

Continuar leyendo…

Il nord, la emigrazione imminente

Tradotto da Monica Monicardi Il nord non sempre sono gli Stati Uniti, il nord, per i migranti i dislocati è un luogo lontano i quali vanno in cerca dell’utopia. Obbligati dalle circostanze, queste circostanze hanno responsabilità: uno Stato inefficace, un sistema dominatore per tradizione e una società inumana e insensibile. Emigrano forzatamente dal villaggio alla capitale o in un altro paese e gli cambia la vita, da quando mettono il piede fuori dal loro nido, in quell’istante non saranno mai quelli di prima. Qualcosa si rompe, qualcosa di tanto valore e intimo che è impossibile ricostruire e recuperare. Si sfuma…

Continuar leyendo…

La famiglia tradizionale come imposizione

Tradotto da Monica Monicardi Dall’inizio dei tempi, il sistema patriarcale ci ha imposto persino il modo in cui dobbiamo camminare o sederci, tutto in rispetto al ruolo di genere e non parliamo di comportamenti perché derivano dalle categorie che dipendono dagli stereotipi e dai pregiudizi; che derivano dall’educazione o meglio, da asini come siamo optiamo per farla propria per convenienza. Non c’è niente di più imposto in questa vita e che ci crea molto danno come società come il modello   patriarcale che è maschilista e misogino. Madre potenziale, dicono nei saluti del giorno della Madre a donne che non hanno…

Continuar leyendo…

Madri a seguito di una violazione

Tradotto da Monica Monicardi In questo momento in qualsiasi via, bar, angolo, casa e foresta in America Latina, stanno violentando una bambina, un adolescente, una donna, nei prossimi cinque minuti saranno dozzine in più ad essere violentate, a mezzogiorno saranno cento e ad arrivare a sera, mille. Di loro la maggioranza saranno picchiate, molte assassinate in crimini di odio, alcune scompariranno e non si saprà mai nulla di loro, probabilmente moriranno nell’inferno del traffico di persone; e altre, apparirà il loro corpo smembrato in qualunque via, in un sacchetto della spazzatura o in un sacco. Di queste bambine, adolescenti e…

Continuar leyendo…

Transgredidas, testimonianze di sopravvissute della violenza di genere

Tradotto da Monica Monicardi Transgredidas è uno dei libri che più mi è costato scrivere, mi ha fatto male, ho pianto e l’ho sentito in carne viva, perché sono narrazioni di testimonianze e storie di bambine, adolescenti e donne che hanno sofferto abusi sessuali, sia nel loro percorso come migranti senza documenti verso gli Stati Uniti, sia come vittime di traffico di persone con fine di sfruttamento sessuale. Abusate dai famigliari o da sconosciuti, non per la loro origine, non per la  loro classe sociale, ma per essere donne di una società che non rispetta e non da valore alla…

Continuar leyendo…

Il mestiere di serva

Tradotto da Monica Monicardi Ultimamente i difensori dei diritti umani ci chiamano assistenti domestici, per abbassare il colpo, ma le cose hanno un proprio nome: siamo serve, il nostro lavoro è servire. Partendo da lì, potremmo sminuzzare la gamma di abusi che viviamo noi che lavoriamo nel servizio domestico e di manutenzione. Non importa il paese,la realtà dei servi è la stessa in ogni parte. Non andiamo a far brillare i bagni e a denunciare  gli Stati Uniti come la causa di tutti i nostri mali. In India, esistono le caste, in America Latina le menti colonizzate, e così andiamo…

Continuar leyendo…

La nostra lotta contro i femminicidi in America Latina

Tradotto da Monica Monicardi L’otto di aprile si è compiuto un mese del femminicidio di 41 bambine, le quali sono state violentate e bruciate vive dallo Stato del Guatemala. E lo stesso 8 aprile è stato trovato il corpo di Micaela, 21 anni studiava Educazione Fisica e si faceva in quattro per i paria, i negri i quali il classismo detesta. E’ stata violentata e assassinata da un violentatore seriale  il quale gli è stato concesso la libertà da un giudice perché secondo lui l’unica cosa che aveva era una “perversione naturale”.

Continuar leyendo…

Venezuela 2002-2017: violenza che giustifica un golpe

  Tradotto da  Cubainformazione Per capire ciò che sta accadendo in questi momenti in Venezuela, dobbiamo tornare indietro di 15 anni e vedere le oligarchie scalciare quando rimasero senza i milioni che produceva la vendita del petrolio a compagnie straniere. L’ecocidio che producevano imprese transnazionali con le loro minerarie che impoverivano, ancor più, le comunità e riempivano i conti bancari dei contrabbandieri al potere. La violenza istituzionalizzata e lo sfruttamento contro la classe lavoratrice. I poveri più poveri ed i ricchi più ricchi. Il midollo spinale di tutto questo è il petrolio, è stata la stessa causa del colpo di stato contro Dilma in…

Continuar leyendo…

La dignità imprescindibile del popolo ecuatoriano

Tradotto da Monica Monicardi In questi momenti di allegria e festa in America Latina per il trionfo di Alianza Pais, è rigoroso ricordare che nella storia contemporanea tutto iniziò con l’illusione di un Niño Arañeno, venditore di dolci di papaya nelle strade della sua nativa Venezuela; espongo la sua origine perché siamo fatti di Memoria Storica e Identità.  Bambini come Chàvez nascono uno ogni cinquecento anni e passano dalla terra per marcare la storia dei popoli.

Continuar leyendo…

Occultare ci converte in complici

Tradotto da Monica Monicardi In molti preferiamo vivere nella nostra bolla e chiudere gli occhi davanti alla realtà, rimanere impassibili, girare lo sguardo dall’altro lato e rimanere in silenzio. Questo rispetto alla corruzione del governo e alla inefficienza di uno Stato fallito. Questo in relazione alla violenza sistematica e alla impunità. Al giro di influenze e alla manipolazione dei mezzi di comunicazione. Preferiamo rimanere ai margini dell’ingiustizia, perché è più comodo non intromettersi, perché inserirsi esige rispetto verso noi stessi e verso gli altri e soprattutto: onestà, responsabilità e integrità. E noi siamo pronti a fare la pelle agli altri,…

Continuar leyendo…

Hogar Seguro Virgen de la Asunciòn: tragedia che non si comprende

Tradotto da Monica Monicardi Molta acqua è passata dal giorno dell’incendio nel Hogar Seguro Virgen de la Asunciòn (8 di marzo), e anche una disinformazione opprimente, i mezzi di comunicazione che cercano di catturare l’attenzione dei lettori con titoli da brividi e note con tinte di giallo che disprezzano la vita e la dignità delle vittime e delle loro famiglie. Nemmeno si parla di etica e di umanesimo. “Erano lì per delinquere” menzionano alcuni, e chi sottolinea che: “quello era un ritratto di famiglie disfunzionali” riferendosi ai genitori di famiglia che appena saputo dell’incendio arrivarono come poterono al rifugio. Articoli,…

Continuar leyendo…