L’immensità di Frida Kahlo, comprende tutto, illumina tutto

Tradotto da Monica Manicardi Questo testo appartiene alla serie  Las Insurrectas Considerata da molti critici d’arte come una pittrice naif, sottovalutata per la sua tecnica, Frida ha vinto col passare del tempo e la sua arte ha attraversato il mondo e lo fece così piccolo da stare nel palmo delle sue mani. Così illimitata è la donna che ha azzardato a resistere, a sfidare, a rivelarsi, a dire io non marcisco qui inerte, quella che disse questo dolore non mi toglierà l’espressione della mia anima e dipinse, dipinse, dipinse contro ogni pronostico. Quella che fece dell’arte naif la bellezza delle anime…

Continuar leyendo…

L’energia dei medici cubani in Guatemala

Tradotto da Monica Manicardi In mezzo a un sistema marcio infestato dalla corruzione e dall’impunità che consuma le ultime fondamenta della società guatemalteca e si porta dietro di se migliaia di vittime, ansima una brigata medica che si carica sulle spalle i più deboli, perché arriva dove i medici nazionali non vanno. E sono i medici cubani disposti a esaltare il compito di salvare vite umane. Un branco di criminali che mettono i loro burattini nel governo di turno ha  incaricato di demolire le risorse e quindi di far soccombere il popolo mettendolo in ginocchio davanti alla  violenza istituzionale, alla fame e…

Continuar leyendo…

Sotto i nostri occhi il genocidio palestinese

Tradotto da Monica Manicardi Delle dittature in America Latina è stato detto che era molto difficile riprodurre l’informazione a causa della repressione e dei limiti tecnici e che  dovevano farlo  i giornalisti stranieri con tanta destrezza affinché potesse essere rimossa dal paese, resa nota, e per questo motivo rimase tanto nel silenzio e nell’oblio. I tempi in termini di tecnologia sono cambiati, oggi vediamo la popolazione stessa che utilizza i propri telefoni cellulari e riproduce in tempo reale ciò che avviene nei propri paesi, le immagini vengono riprodotte in tutto il mondo in pochi secondi. Tempo che guadagnano i media aziendali che…

Continuar leyendo…

Il risveglio del popolo colombiano

Tradotto da Monica Manicardi Nel 2015 è stato il Guatemala, a manifestare  per  corruzione  tutti i sabati, l’America Latina è rimasta stupita nel vedere la  sottomessa e incompetente società guatemalteca finalmente svelarsi in ritardo dopo aver eletto un presidente genocida; non hanno manifestato chiedendo giustizia per le vittime del genocidio che hanno negato, ma per corruzione. Ma è già qualcosa, date le circostanze di una memoria storica molto debole. Hanno messo Jimmy Morales come presidente e poi da soli sono andati al macello quando hanno votato anche per Giammattei, tanto ignobile come gli altri. È lì  è finito il rumore della grande dignità guatemalteca sbandierata…

Continuar leyendo…

La bicicletta con la quale cerco di emanciparmi

Tradotto da Monica Manicardi Nel momento in cui i terreni sollevavano la polvere nelle strade appena costruite a Ciudad Peronia, arrivò  una famiglia che aveva aperto un negozio di tortilla e aveva  anche il  noleggio delle  biciclette. Per avere quelle due attività in un sobborgo pieno di persone povere, quelle persone avevano soldi, tre dipendenti (indigene) che facevano le tortillas in tre turni e gli uomini di casa erano incaricati del noleggio di biciclette che si contavano in dozzine, questo all’inizio degli anni novanta. In periferia nessuno aveva i soldi per noleggiare una bicicletta da solo, quindi quello che facevamo era collaborare tra noi…

Continuar leyendo…

Semitas per calmare l’anima

Tradotto da Monica Manicardi Parlando con la nonna di Comapa “sapete come sono fatte las semitas?, le chiesi dopo 17 anni di diaspora, cosa che persino io rimasi sorpresa. Com’è possibile, negra mi disse, che non hai mai chiesto a tua nonna la ricetta delle semitas prima d’ora? Mia nonna iniziò a dettarmi gli ingredienti della semitas, del pane di riso, delle quesadillas e delle salporas. Ho tirato fuori un foglio di carta e ho annotato.  Calcola ad occhio lo zucchero, mi ha detto, prova poco a poco e vedi di aggiungerlo se ce ne bisogno. Tante uova per la stessa quantità di farina,…

Continuar leyendo…

Liliana López Foresi: A diventare una giornalista si impara, ad essere una brava persona no

Tradotto da Monica Manicardi Questo testo appartiene alla serie Las Insurrectas Liliana López Foresi è un punto di riferimento del giornalismo impegnato, non con coloro che corrompono, né con quelli  che distruggono, ma con coloro che resistono e uniscono le forze quando ce ne bisogno. È un mito, una leggenda del giornalismo che molti dell’oligarchia argentina nel corso degli anni hanno cercato di sfumare. Chiunque pensi al giornalismo umano, indispensabile, responsabile, con un approccio  di genere e etico in Argentina sa di avere un rappresentante ed è Liliana López Foresi. Ma se Liliana è così importante per le basi del giornalismo femminile con…

Continuar leyendo…

L’amnesia di un paese sconfitto

Tradotto da Monica Manicardi Per non andare troppo lontano, ecco il paese sconfitto, che con tutto quello che è successo  durante la dittatura era previsto che  in questa fase al posto del neoliberismo e della dimenticanza, la società avrebbe ricostruito il suo tessuto sociale, incarcerato  quelli che hanno commesso crimini contro l’umanità da parte del  governo e aver costruito le infrastrutture. Ma, è il  contrario. La stessa società carogna si è impegnata a negare il genocidio, a disprezzare  i familiari delle vittime del Conflitto Armato Interno, e a dedicarsi a guardare tramite la pigrizia e l’apatia come smantellare lo Stato e a  far sparire tutte le risorse, quelli…

Continuar leyendo…

Un paese morto

Tradotto da Monica Manicardi Dovremmo avere un minimo di vergogna, dato che non abbiamo coraggio. Un minimo di indignazione che ci porti fuori dalla reti sociali che tollerano tutto e prendere le strade che sono i testimoni della storia del paese. Galana è un comfort di una rete sociale, ma è solo truccata, una facciata, chiacchiere, discorsi; lì, non si realizzano i cambiamenti  alla radice e Guatemala è un paese marcio. La responsabilità è della stessa società meticcia e urbana, incapace di unirsi ai popoli nativi nella loro enorme dignità e forza di lotta, che hanno il coraggio di presentarsi dove…

Continuar leyendo…

E’ la politica dello Stato la violenza di genere

Tradotto da Monica Manicardi È la politica dello Stato  nelle società con governi neoliberisti, la  violenza contro le donne e le masse impoverite e sfruttate. Prima del braccio armato, c’è la risorsa della religione che manipola emotivamente gli esclusi ma violenta doppiamente le donne a causa del loro genere. In nome della fede, protetta dalle religioni misogine, molti uomini esercitano la violenza di genere a tal punto da sfociare in femminicidi. Questa non è una novità, non stiamo scoprendo l’acqua zuccherata. Ma uno Stato assente, infestato dalla corruzione, dove si diffonde il  maschilismo, la misoginia, l’omofobia e si alimenta il patriarcato costantemente è…

Continuar leyendo…

La donna della tenerezza negli occhi

Tradotto da Monica Manicardi Sono concentrata leggendo un libro quando all’improvviso la vedo apparire, una donna asiatica, alta, slanciata, con un cappotto invernale maestoso. Torno alla mia lettura ma non riesco a concentrarmi e torno a vederla, tanta bellezza in una sola persona. Ma com’è possibile, mi domando, cercando di leggere nuovamente il mio libro, che tanta bellezza abbia anche la sottigliezza della tenerezza, perché nei suoi occhi ho visto la tenerezza. Torno al mio libro, solo per abbassare la testa e fingere di leggere perché ho perso la concentrazione. La donna slanciata sta andando a prendere sua figlia di…

Continuar leyendo…

L’anno della pandemia

Tradotto da Monica Manicardi Molti hanno definito questo anno 2020 come un anno maledetto, a causa del virus. Ma è soltanto uno dei tanti che esistono, non è l’unico che uccide, uccide più persone ad esempio, la insensibilità. Girarsi dall’altra parte e fingere di ignorare quello che ci colpisce in pieno: il razzismo, il classismo e l’oblio. Ci chiudiamo in un guscio sottochiave perché tutto ciò che succede fuori, quello che vivono gli altri non ci interessa. Per questo vediamo tanti bambini che vivono in strada e lì  muoiono senza  provocare in noi  spavento, sofferenza, tanto meno l’indignazione che ci faccia agire. All’improvviso…

Continuar leyendo…