Transgredidas, testimonianze di sopravvissute della violenza di genere

Tradotto da Monica Monicardi

Transgredidas è uno dei libri che più mi è costato scrivere, mi ha fatto male, ho pianto e l’ho sentito in carne viva, perché sono narrazioni di testimonianze e storie di bambine, adolescenti e donne che hanno sofferto abusi sessuali, sia nel loro percorso come migranti senza documenti verso gli Stati Uniti, sia come vittime di traffico di persone con fine di sfruttamento sessuale.

Abusate dai famigliari o da sconosciuti, non per la loro origine, non per la  loro classe sociale, ma per essere donne di una società che non rispetta e non da valore alla donna per il suo genere, in una società che  la inaridisce, queste sono storie accadute in varie parti del mondo perché l’abuso verso il genere femminile non ha età, colore, religione né nazionalità.

Tutto cominciò a novembre del 2012, con un testo intitolato Transgredidas (violate) al quale man mano ne seguirono altre fino ad  ottenere testimonianze per pubblicare nella serie Transgredidas del mio blog, Crònicas de una Inquilina. Questa serie si è trasformata in un libro. Sono testimonianze di donne segnate dalla vita  dall’abuso, dai colpi, donne violentate nei loro diritti, bambine alle quali hanno rubato l’infanzia.

Non è un libro dolce né brilla la perfezione della fiction, è un libro crudele, scarnito, come la realtà che hanno dovuto vivere le loro protagoniste, e  migliaia di donne attraverso il tempo e la storia.

La violenza di genere non è un affare per fiction né di letteratura, è un problema reale che ci sta uccidendo, ci fa scomparire e ci stigmatizza. Tutte abbiamo sofferto violenza di genere in diversi forme, le narrazioni scritte in Transgredidas mostrano gli estremi di ciò è capace di fare una società patriarcale e maschilista nella vita di bambine, adolescenti  e donne nel segno di un sistema sociopolitico che ci tratta come mercanzia.

Le storie incluse in questo libro sono reali, anche se il nome delle protagoniste sono stati cambiati e anche alcune ubicazioni territoriali, per proteggere le loro identità e la loro sicurezza. La sostanza di questo libro è raccontare le storie di abuso che hanno vissuto  donne anonime,  anonime come altre in qualsiasi posto del mondo. Sono storie  che succedono tutti i giorni, ovunque, a tutte le ore.

Storie che nella maggioranza dei casi ce li portiamo fino alla tomba, perché raccontarla significa perdere famigliari, metterli in pericolo, e mettere a rischio la nostra propria vita. Anche in una società stereotipata,  conserviamo il silenzio per timore di essere segnalati dalla famiglia, amici e dalla società. Perché essere abusata ci segna e la stessa società ci segnala e ci esclude.

L’abuso emozionale, fisico e sessuale ci mutila in molte forme, ci ruba il lavoro, ci inaridisce dentro, ci rende invisibili. Transgredidas sono la voce di migliaia di donne che sono state messe a tacere attraverso il tempo.

Questo testo può essere condiviso in qualsiasi blog o social network citanto la fonte di informazione URL: https://cronicasdeunainquilina.com/2017/05/03/transgredidas-testimonianze-di-sopravvissute-della-violenza-di-genere/

Ilka Oliva Corado. @ilkaolivacorado contacto@cronicasdeunainquilina.com

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión / Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión / Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión / Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión / Cambiar )

Conectando a %s